La Tua Salute è quanto di più Prezioso hai da Custodire
Per informazioni e prenotazioni 081 711 79 14
via Roma, 8 - 80017 Melito (NA)
Apertura Centro
LU— VE: 8:00 — 18:30, SA: 8:00 — 12:30
Il CMR fornisce prestazioni di diagnostica per immagini e Fisiokinesiterapia in convenzione con il SSN.

Campagna di prevenzione del tumore alla prostata

CMR > Prevenzione/Visite Gratuite > Prevenzione > Campagna di prevenzione del tumore alla prostata

Consulto Urologico Gratuito, Chiama subito per prenotare un incontro con il nostro specialista.

IL DECALOGO PER LA SALUTE DELLA PROSTATA

1. ALMENO 1 VOLTA L’ANNO, EFFETTUARE UNA VISITA UROLOGICA DI CONTROLLO.

Già a partire dai 40 – 45 anni, sarebbe opportuno che ogni uomo si recasse da uno specialista andrologo o urologo per una visita preventiva di controllo. In particolare i soggetti a rischio, ossia quegli uomini in cui patologie prostatiche sono familiari, dovrebbero effettuare uno screening annuale già dai 35- 40 anni di età.

2. ESEGUIRE UN DOSAGGIO PSA

Almeno una volta l’anno, a partire dai 50 anni, eseguire un dosaggio del PSA nelle sue 3 frazioni: totale, libero, a rapporto libero/totale

3. MANTENERE  UN REGIME ALIMENTARE CONTROLLATO

Avere un regime alimentare controllato, evitando cibi che possono essere dannosi per la prostata. Ecco un elenco degli alimenti che possono irritare la ghiandola prostatica: insaccati, spezie, pepe, peperoncino, superalcolici, caffè, cioccolato, formaggi grassi, pesci grassi (anguilla, tonno, sgombro), molluschi, frutti di mare, crostacei (gamberi, aragoste). Ridurre l’assunzione di alcolici.

4. PREDILIGERE CIBI CHE CONTENGONO SOSTANZE ANTIOSSIDANTI

Vitamina A (carote, albicocche, spinaci, broccoli, pomodori), Vitamina C (ribes, kiwi agrumi, fragole, cavolfiori, peperoni), Vitamina E (olio d’oliva, oli vegetali, germe di grano), Selenio (carne, noci, tuorlo d’uovo), Zinco (carni rosse, noci, fegato), Manganese (cereali integrali, tè nero, verdure a foglie verdi).

5. MANTENERE L’ORGANISMO IDRATATO

Per ridurre il peso specifico delle urine ed evitare le infezioni urinarie, che sono molto frequenti nel paziente prostatico, bere almeno 2 litri di acqua al giorno, nelle 24 ore; quindi non bere troppa acqua in un sorso unico ma a piccoli sorsi e frequentemente nell’arco della giornata.

6. REGOLARIZZARE LA FUNZIONE DELL’INTESTINO

La funzione dell’intestino deve essere regolare: evitare la stipsi cronica e la diarrea fenomeni che, nel paziente prostatico, possono scatenare fenomeni irritativi tra intestino e prostata (circolo entero-urinario).

7. MANTENERE UNA ATTIVITÀ SESSUALE REGOLARE

L’attività sessuale, praticata con regolarità, ha effetti benefici sulla salute della prostata. Al contrario, l’astinenza prolungata è nociva in quanto provoca ristagno di secrezioni nella ghiandola prostatica ed una possibile infezione seminale.

8. EVITARE LA PRATICA DEL COITO INTERROTTO

E’ bene che lo stimolo eiaculatorio vada assecondato e non interrotto volontariamente.

9. EVITARE LA SEDENTARIETÀ

Per favorire la circolazione sanguigna anche a livello pelvico, è bene praticare attività sportiva moderate ma costante e/o camminare almeno 30 minuti tutti i giorni.

10. ATTENZIONE ALL’USO DI VEICOLI A DUE RUOTE

Soprattutto per i soggetti a rischio, la circolazione su veicoli a due ruote può essere nociva: i microtraumi perineali possono essere responsabili di processi infiammatori prostatici.